Szabò, LA PORTA

Il romanzo è straordinario e costruito con la sapienza di una grande narratrice. La protagonista, Emerence, è effettivamente esistita: è stata per vent’anni la domestica spigolosa ma insostituibile della scrittrice. Donna di tempra invidiabile, autorevole per tutto il vicinato, generosa e solitaria che profonde su tutta la realtà che la circonda spunti di realistica saggezza.
Un unico limite invalicabile, quello dell’intimità che pur se protetta risulterà fragilissima e dischiuderà un epilogo drammatico e definitivo.

Le due concezioni del mondo, quello della scrittrice e quello della domestica, spesso difficili da conciliare, costituiscono la ricca trama in cui i personaggi altermano ire e dolcezze spesso insospettate. Lo sfondo sociale è una Budapest di metà novecento: persone abituate a generose solidarietà e garanzie sociali indiscusse; una salda rete di vicinato che vede, si coinvolge e provvede e ci fa credere ad un modello marxista riuscito. Sullo sfondo a tratti, si intuiscono i segni dei futuri cambiamenti che accennano al suo declino.

Magda Szabò, La porta
Einaudi 2005, euro 17,00

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...