Humphreys, CANI SELVAGGI

Il primo (o forse secondo, ma l’altro di Marsilio di una decina di anni fa deve essere passato in silenzio) romanzo tradotto della scrittrice e poetessa canadese, ancora poco conosciuta da noi ma veramente notevole, al pari di altre sue connazionali più famose, come Munro o Mc Donald. Romanzo forte, intenso, originale, dallo stile frammentario e incisivo. Le parole, isolate nella loro nudità, penetrano come lame finissime e taglienti. La tensione creata si comunica alla lettrice e la inchioda con la precisione dei dettagli e il vuoto che ritaglia intorno a loro.
Siamo in una cittadina del Canada, un gruppo di sei persone si incontra ogni sera al limitare del bosco per cercare insieme i propri cani, scappati per motivi diversi da casa e ora in branco (ri)diventati selvaggi. Una di queste persone, Alice, è la voce narrante, che si innamora di una donna del gruppo di un amore dilaniante e impossibile.
Trama intrigante e un modo ‘spiazzante’ di svilupparla.
Perché, se è evidente che una delle qualità di questo sviluppo è proprio quella di mantenere costante il confronto tra la vita di qua (della civiltà, della razionalità, della normalità [?], vita costruita sulla rinuncia e in solitudine) e quella opposta (dell’istinto, dell’animalità, della selvatichezza, vita in comunità calda e sfrenata pur nelle sue rigide regole del potere), è ancora più eccezionale l’attenzione che l’autrice pone sul confine tra le due vite, il limitare del bosco. Se è vero che, come l’antropologia e la psicoanalisi ci hanno detto, il prezzo che abbiamo pagato per passare dalla natura alla cultura è stato altissimo, è vero anche che dopo tanto di tutto, non solo millenni, i vantaggi oggi non sembrano (più) sufficienti per accettare di pagarlo.
Credo che ognuno di noi, immergendosi nella lettura e continuando a riflettere in seguito (perché non si smette più di pensarci, raramente la lettura di un romanzo mi ha provocato così tanto desiderio di confronto con le altre lettrici), potrebbe trovare temi diversi da sviluppare, pescando dalla ricchezza delle suggestioni e delle problematiche che via via si incontrano. Piacerebbe risentire (qualche rara intervista si rintraccia sul web) la voce dell’autrice riguardo i suoi intenti nel trattare la condizione selvaggia e la forza disperata dell’amore.
Forse potrebbe parlarci anche della paura, altra grande protagonista del romanzo, traccia animalesca anche del nostro individuo ‘civilizzato’, se solo si accetta di ascoltarla e di sopportare la fragilità che ci fa esplodere dentro.
E della perdita, condizione dell’animo che ci apre a inquietudini sulla nostra identità.

Helen Humphreys, Cani selvaggi
Payground 2007, euro 13,00 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...